oggi è il 23 maggio siamo in Primavera

Newsletter

consigli

In questa sezione trovi i consigli del farmacista: una selezione di suggerimenti su come prevenire e affrontare le patologie più comuni, e approfondimenti legati a omeopatia, fitoterapia e cosmesi.

continue

In evidenza

Consigli

consiglio Da non perdere

NATURALMENTE: con l’equiseto perdi peso, ti depuri e hai unghie e capelli sani e forti

L’equiseto è praticamente un fossile: esisteva già poco meno di 400 milioni di anni fa e presenta una struttura botanica tra le più primitive del regno vegetale. E’ una pianta che non produce fiori e si riproduce per mezzo delle spore, proprio come i funghi.

Conosciuto anche come coda cavallina, è una pianta officinale utilizzata fin dall’antichità per le sue proprietà benefiche.

L’equiseto è noto soprattutto per le sue proprietà antinfiammatorie, antibatteriche, antimicrobiche e antiossidanti.
Svolge inoltre un’attività diuretica e astringente. Nel corso del tempo è stato utilizzato per il trattamento di numerosi disturbi, comprese gengiviti, infiammazioni delle mucose della bocca, tonsillite, acne, herpes labiale, infiammazione della pelle e problemi reumatici.

È considerato particolarmente utile per la cura dei disturbi che interessano l’apparato urinario, che possono comprendere problemi alla vescica e formazione di calcoli renali.
Grazie alla presenza di flavonoidi, potenziati nella loro azione dai sali minerali, l’equiseto è particolarmente indicato in caso di gonfiori dovuti a ritenzione, cellulite e cistite.

I minerali contenuti nel suo estratto secco stimolano la produzione di collagene, una sostanza che rende tonici i tessuti, previene la formazione delle rughe e contribuisce a rendere elastica la pelle.

Può essere utile anche in caso di ossa fragili, fratture, sanguinamento dal naso, emorroidi e crampi muscolari. Inoltre, l’equiseto contribuisce a rafforzare il sistema immunitario. Aiuta a fortificare i capelli e a prevenirne la caduta ed è utile anche in caso di unghie fragili per via delle proprietà rimineralizzanti del silicio in esso contenuto.

Per l’uomo la principale fonte di silicio è rappresentata dall’alimentazione: acqua, legumi, frutta, cereali, carne e pesce sono i cibi più ricchi. Tuttavia la dieta può risultarne carente, per esempio per largo uso di cibi raffinati come pane bianco, cereali decorticati, frutta sbucciata (il silicio si trova nelle parti esterne dei vegetali) e questo può comportare fra l’altro indebolimento di ossa, capelli e unghie: problemi che l’equiseto contribuisce a risolvere o prevenire.

L’equiseto può essere controindicata in gravidanza e durante l’assunzione di medicinali per l’ipertensione.
Può interagire inoltre con i diuretici e non va somministrato in caso di insufficienza renale.

equiseto

 

 

Da non perdere